Clelia FORMICONI (coordinatrice movimento STRADA ALLA VITA) scrive alla senatrice Maria MUSSINI a proposito dell’educazione stradale nella scuola / 14.12.2015

Clelia FORMICONI (coordinatrice movimento STRADA ALLA VITA) scrive alla senatrice Maria MUSSINI a proposito dell’educazione stradale nella scuola / 14.12.2015

image

La senatrice Maria MUSSINI (http://goo.gl/0udj7X), nel corso della seduta del Senato del 9 dicembre 2015, dedicata alla legge sull'”omicidio stradale”, ha accennato al tema dell’educazione stradale nella scuola (http://goo.gl/r5AZRt).

Alla sua collega insegnante (http://goo.gl/qANhiy) così scrive la prof.ssa Clelia FORMICONI, coordinatrice del movimento STRADA ALLA VITA (http://www.stradaallavita.it):

Gentile senatrice Mussini,
nella Sua difesa della scuola, che non può essere il “refugium peccatorum” di una società malata (pensiero condivisibile), Lei esalta l’educazione stradale così come prevista dall’articolo 230 del codice della strada (http://goo.gl/0CSWY3).
Sul fallimento di tale modo di concepire l’educazione stradale e sulle sue criticità esiste un’ampia letteratura, di cui, modestamente, fa parte anche una mia ricerca, dalla quale è nato il progetto “La cultura della strada” (https://goo.gl/sb8qE8).
La debbo correggere su una Sua affermazione: a scuola non si fanno ancora due ore settimanali di educazione stradale.
Riguardo ai cattivi esempi da parte degli adulti (verissimo!), può leggere, nel sito del movimento STRADA ALLA VITA, le nostre proposte sulla formazione permanente degli adulti.
A mio avviso, per difendere seriamente la scuola, non bisogna far ricorso ad argomenti deboli, se non addirittura inesistenti, come quello delle due ore di insegnamento, che ancora non ci sono.
Forse Lei pensava ai programmi di educazione tecnologica della scuola media, in cui, tra gli argomenti, sono previsti i rapporti uomo/macchina, non certo intesa come automobile.
Credo che, quando si interviene in un contesto prestigioso come il Senato della Repubblica, si debba essere al massimo precisi.
Tanto più da quando i dibattiti parlamentari non sono circoscritti ad una ristretta “camera caritatis”, ma sono diffusi a tutti i cittadini tramite i più moderni canali di comunicazione, come INTERNET.
La saluto cordialmente.
14 dicembre 2015
Prof.ssa Clelia Formiconi, coordinatrice del movimento STRADA ALLA VITA

Annunci

Firme aggiornate al 19.07.2015 / Protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA, sottoscritto il giorno lunedì 29 giugno 2015, in Roma, presso il centro congressi CAVOUR, via Cavour n.50

image

Firme aggiornate al 19.07.2015 / Protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA, sottoscritto il giorno lunedì 29 giugno 2015, in Roma, presso il centro congressi CAVOUR, via Cavour n.50

Protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA (*)

I sottoscritti rappresentanti delle associazioni seguenti

si impegnano

– a realizzare attività di supporto al progetto LA CULTURA DELLA STRADA,

in particolare,

– a favorire e condividere azioni per la prevenzione e la sicurezza stradali, per fermare la strage stradale,

– a diffondere il progetto all’interno delle proprie associazioni,

– a partecipare al tavolo di concertazione con il Ministero dei trasporti e con il MIUR, finalizzato alla presentazione del progetto alla Direzione generale mobilità e trasporti (MOVE) della Commissione europea,

– a collaborare sinergicamente con l’intera rete facente capo al movimento STRADA ALLA VITA.

(*) Il progetto LA CULTURA DELLA STRADA intende contribuire a cambiare i comportamenti umani in strada, attraverso la destrutturazione di modelli aggressivi ispirati alla competizione e all’aggressività, per ottenere che gli “utenti” della strada diventino “cittadini” della strada, vissuta come il primo e più importante luogo di relazioni sociali.

Roma, 29 giugno 2015

Associazioni che hanno sottoscritto il 29 giugno 2015, durante lo svolgimento del convegno “Strada alla vita, per una nuova cultura della strada”

– Clelia FORMICONI, coordinatrice del movimento

– Claudio MARTINO, coordinatore del movimento

– per Franco COCCO, presidente dell’Associazione Roberto Cocco per la sicurezza stradale, Antonio MARTINO

– per Silvana TAVOLETTA, presidente dell’Associazione mamme coraggio e vittime della strada onlus (AMCVS), Claudio MARTINO

– per Alberto PALLOTTI, presidente dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS), Clelia FORMICONI

– Maria LO MORO, “NonSoloChiara”

– per Mariagrazia MAZZARACO, presidente dell’Associazione “L’albero verde della vita”, Patrizio IMPERATO DI MONTECORVINO

– Susanna LORIGA, presidente del Centro europeo sicurezza e autodifesa (CESAD)

– Giancarlo PIERMARTIRI, “Angelo protettore”

– Alfredo GIORDANI, rete di associazioni #VIVINSTRADA

– per Antonio TURRI, presidente dell’Associazione “I cittadini contro le mafie e la corruzione”, Stefano MORIGA

– Anna Silvia ANGELINI, presidente AIDE Nettuno Associazione indipendente donne Europee

– per Maurizio BISANTI, presidente dell’Associazione Gruppi Uniti Tutela e Giustizia per le Vittime della Strada (AGUVS) – Lecce, Lucilla BARBASINI

– Lucilla BARBASINI, presidente di “Angeli sull’asfalto”, sede affiliata AGUVS Terme Vigliatore (ME)

– per Rita TRASOLINI, presidente di SOSTEGNO DONNA (Cisterna, prov. Latina), Silvia ANGELINI

– per Gabriella ZACCURI, presidente di LIBERI DALLA VIOLENZA, Silvia ANGELINI

IN DATA SUCCESSIVA AL 29 GIUGNO 2015 hanno aderito:

– Aniello MIELE, presidente dell’Associazione Sociale e Culturale “L’INCONTRO” di Roccarainola (NA)

– Massimiliano ZANETTI, presidente dell’Associazione sportiva guida sicura (ASGS)

Memorandum of Understanding to support the project LA CULTURA DELLA STRADA (road’s culture), signed on Monday, June 29, 2015, in Rome, at the convention center CAVOUR, Via Cavour n.50

image

Memorandum of Understanding to support the project LA CULTURA DELLA STRADA (road’s culture), signed on Monday, June 29, 2015, in Rome, at the convention center CAVOUR, Via Cavour n.50

Memorandum of Understanding to support the project LA CULTURA DELLA STRADA (road’s culture) (*)

The undersigned representatives of the following organizations covenant

– to carry out activities in support of the project LA CULTURA DELLA STRADA,

in particular,

– to promote and share actions for the road prevention and safety, to stop the road carnage,

– to spread the project within their own associations,

– to participate in the negotiation talks with the Ministry of Transport and the Ministry of Education, aimed to present the project to the General Directorate for Mobility and Transport (MOVE) of the European Commission,

– to work synergistically with the entire network coordinated by the movement STRADA ALLA VITA (road to life).

(*) The project LA CULTURA DELLA STRADA intends to help human behaviors’ change in the roads, through the deconstruction of models inspired by competition and aggressiveness, in order to obtain that the “users” of the road become “citizens” of the road, lived as the first and most important place of social relationships.

Rome, 29 June 2015

Associations that have signed June 29, 2015, during the conference “STRADA ALLA VITA, PER UNA NUOVA CULTURA DELLA STRADA” (road to life, for a new road culture).

– Clelia FORMICONI, coordinatrice del movimento

– Claudio MARTINO, coordinatore del movimento

– per Franco COCCO, presidente dell’Associazione Roberto Cocco per la sicurezza stradale, Antonio MARTINO

– per Silvana TAVOLETTA, presidente dell’Associazione mamme coraggio e vittime della strada onlus (AMCVS), Claudio MARTINO

– per Alberto PALLOTTI, presidente dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS), Clelia FORMICONI

– Maria LO MORO, “NonSoloChiara”

– per Mariagrazia MAZZARACO, presidente dell’Associazione “L’albero verde della vita”, Patrizio IMPERATO DI MONTECORVINO

– Susanna LORIGA, presidente del Centro europeo sicurezza e autodifesa (CESAD)

– Giancarlo PIERMARTIRI, “Angelo protettore”

– Alfredo GIORDANI, rete di associazioni #VIVINSTRADA

– per Antonio TURRI, presidente dell’Associazione “I cittadini contro le mafie e la corruzione”, Stefano MORIGA

– Anna Silvia ANGELINI, presidente AIDE Nettuno Associazione indipendente donne Europee

– per Maurizio BISANTI, presidente dell’Associazione Gruppi Uniti Tutela e Giustizia per le Vittime della Strada (AGUVS) – Lecce, Lucilla BARBASINI

– Lucilla BARBASINI, presidente di “Angeli sull’asfalto”, sede affiliata AGUVS Terme Vigliatore (ME)

– per Rita TRASOLINI, presidente di SOSTEGNO DONNA (Cisterna, prov. Latina), Silvia ANGELINI

– per Gabriella ZACCURI, presidente di LIBERI DALLA VIOLENZA, Silvia ANGELINI

CHI DESIDERA ADERIRE al protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA, sottoscritto il giorno lunedì 29 giugno 2015, in Roma, presso il centro congressi CAVOUR, via Cavour n.50

CHI DESIDERA ADERIRE
al protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA, sottoscritto il giorno lunedì 29 giugno 2015, in Roma, presso il centro congressi CAVOUR, via Cavour n.50 (https://goo.gl/nKEp8x),
può avanzare la sua richiesta,
inviando agli indirizzi (ambedue, per favore) cllfrm@libero.it e claumartino1952@hotmail.com
un messaggio del seguente tenore:

“il sottoscritto XXX, in rappresentanza dell’associazione YYY, desidera aderire al protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA, sottoscritto il giorno lunedì 29 giugno 2015, in Roma, presso il centro congressi CAVOUR, via Cavour n.50 (https://goo.gl/nKEp8x).”
FIRMA
Telefono

Protocole d’accord pour soutenir le projet LA CULTURA DELLA STRADA (la culture de la route), signé le lundi 29 Juin 2015 à Rome, auprès du centre des congrès CAVOUR, Via Cavour n.50

image

Protocole d’accord pour soutenir le projet LA CULTURA DELLA STRADA (la culture de la route), signé le lundi 29 Juin 2015 à Rome, auprès du centre des congrès CAVOUR, Via Cavour n.50

Protocole d’accord pour soutenir le projet LA CULTURA DELLA STRADA (la culture de la route) (*)

Les soussignés, représentants des organisations suivantes,

s’engagent

– à excercer des activités à l’appui du projet LA CULTURA DELLA STRADA,

en particulier,

– à promouvoir et partager des actions pour la prévention et la sécurité routières, pour arrêter le massacre routier,

– à étendre le projet au sein de leurs propres associations,

– à participer aux pourparlers de négociation avec le Ministère des Transports et le Ministère de l’Education, visés à présenter le projet à la Direction générale de la mobilité et des transports (Move) de la Commission européenne,

– à travailler en synergie avec l’ensemble du réseau qui se reconnaît dans le mouvement STRADA ALLA VITA (chemin à la vie).

(*) Le projet LA CULTURA DELLA STRADA veut aider à changer le comportement humain dans la route, grâce à la déconstruction de modèles inspirés par la concurrence et l’agressivité, pour obtenire que les «utilisateurs» de la route deviennent «citoyens» de la route, vécue comme le premier et le plus important lieu des relations sociales.

Rome, 29 Juin 2015

Associations qui ont signé le 29 Juin 2015, au cours de la conférence STRADA ALLA VITA, PER UNA NUOVA CULTURA DELLA STRADA (Chemin à la vie, pour une nouvelle culture de la route)

– Clelia FORMICONI, coordinatrice del movimento

– Claudio MARTINO, coordinatore del movimento

– per Franco COCCO, presidente dell’Associazione Roberto Cocco per la sicurezza stradale, Antonio MARTINO

– per Silvana TAVOLETTA, presidente dell’Associazione mamme coraggio e vittime della strada onlus (AMCVS), Claudio MARTINO

– per Alberto PALLOTTI, presidente dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS), Clelia FORMICONI

– Maria LO MORO, “NonSoloChiara”

– per Mariagrazia MAZZARACO, presidente dell’Associazione “L’albero verde della vita”, Patrizio IMPERATO DI MONTECORVINO

– Susanna LORIGA, presidente del Centro europeo sicurezza e autodifesa (CESAD)

– Giancarlo PIERMARTIRI, “Angelo protettore”

– Alfredo GIORDANI, rete di associazioni #VIVINSTRADA

– per Antonio TURRI, presidente dell’Associazione “I cittadini contro le mafie e la corruzione”, Stefano MORIGA

– Anna Silvia ANGELINI, presidente AIDE Nettuno Associazione indipendente donne Europee

– per Maurizio BISANTI, presidente dell’Associazione Gruppi Uniti Tutela e Giustizia per le Vittime della Strada (AGUVS) – Lecce, Lucilla BARBASINI

– Lucilla BARBASINI, presidente di “Angeli sull’asfalto”, sede affiliata AGUVS Terme Vigliatore (ME)

– per Rita TRASOLINI, presidente di SOSTEGNO DONNA (Cisterna, prov. Latina), Silvia ANGELINI

– per Gabriella ZACCURI, presidente di LIBERI DALLA VIOLENZA, Silvia ANGELINI

Protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA, sottoscritto il giorno lunedì 29 giugno 2015, in Roma, presso il centro congressi CAVOUR, via Cavour n.50

image

Protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA, sottoscritto il giorno lunedì 29 giugno 2015, in Roma, presso il centro congressi CAVOUR, via Cavour n.50

Protocollo d’intesa di sostegno al progetto LA CULTURA DELLA STRADA (*)

I sottoscritti rappresentanti delle associazioni seguenti

si impegnano

– a realizzare attività di supporto al progetto LA CULTURA DELLA STRADA,

in particolare,

– a favorire e condividere azioni per la prevenzione e la sicurezza stradali, per fermare la strage stradale,

– a diffondere il progetto all’interno delle proprie associazioni,

– a partecipare al tavolo di concertazione con il Ministero dei trasporti e con il MIUR, finalizzato alla presentazione del progetto alla Direzione generale mobilità e trasporti (MOVE) della Commissione europea,

– a collaborare sinergicamente con l’intera rete facente capo al movimento STRADA ALLA VITA.

(*) Il progetto LA CULTURA DELLA STRADA intende contribuire a cambiare i comportamenti umani in strada, attraverso la destrutturazione di modelli aggressivi ispirati alla competizione e all’aggressività, per ottenere che gli “utenti” della strada diventino “cittadini” della strada, vissuta come il primo e più importante luogo di relazioni sociali.

Roma, 29 giugno 2015

Associazioni che hanno sottoscritto il 29 giugno 2015, durante lo svolgimento del convegno “Strada alla vita, per una nuova cultura della strada”

– Clelia FORMICONI, coordinatrice del movimento

– Claudio MARTINO, coordinatore del movimento

– per Franco COCCO, presidente dell’Associazione Roberto Cocco per la sicurezza stradale, Antonio MARTINO

– per Silvana TAVOLETTA, presidente dell’Associazione mamme coraggio e vittime della strada onlus (AMCVS), Claudio MARTINO

– per Alberto PALLOTTI, presidente dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS), Clelia FORMICONI

– Maria LO MORO, “NonSoloChiara”

– per Mariagrazia MAZZARACO, presidente dell’Associazione “L’albero verde della vita”, Patrizio IMPERATO DI MONTECORVINO

– Susanna LORIGA, presidente del Centro europeo sicurezza e autodifesa (CESAD)

– Giancarlo PIERMARTIRI, “Angelo protettore”

– Alfredo GIORDANI, rete di associazioni #VIVINSTRADA

– per Antonio TURRI, presidente dell’Associazione “I cittadini contro le mafie e la corruzione”, Stefano MORIGA

– Anna Silvia ANGELINI, presidente AIDE Nettuno Associazione indipendente donne Europee

– per Maurizio BISANTI, presidente dell’Associazione Gruppi Uniti Tutela e Giustizia per le Vittime della Strada (AGUVS) – Lecce, Lucilla BARBASINI

– Lucilla BARBASINI, presidente di “Angeli sull’asfalto”, sede affiliata AGUVS Terme Vigliatore (ME)

– per Rita TRASOLINI, presidente di SOSTEGNO DONNA (Cisterna, prov. Latina), Silvia ANGELINI

– per Gabriella ZACCURI, presidente di LIBERI DALLA VIOLENZA, Silvia ANGELINI